Venti cose che solo chi è cresciuto in una famiglia del sud può capire



Nell'eterna sfida tra genetica e ambiente per stabilire chi influenza maggiormente il carattere di un individuo, l’ambiente stravince se si cresce nel sud. La famiglia meridionale è infatti molto più di una famiglia, è un esercito compatto armato fino ai denti di bufala e cassata. Ecco perciò le venti cose che solo chi è cresciuto in una famiglia del sud può capire.
Crescere in una famiglia del sud significa tante cose ma soprattutto fare esperienza di queste venti.
#1. Quando inizi una nuova relazione sentimentale tuo zio viene a saperlo prima di te.
#2. Ci sono sempre dei parenti dall’America da salutare al telefono.
#3. A Pasqua ti siedi a tavola alle 11 e ti alzi alle 23, sempre se il tuo fisico regge.
#4. Non esistono segreti.
#5. Un pranzo in famiglia è più rumoroso del carnevale di Rio.
#6.Quando fai un viaggio in treno di più di cento chilometri ti preparano un fagotto con due parmigiane, sedici arancini e quattro panini.
#7. Ogni anno tra il 24 dicembre e il 7 gennaio ingrassi giusto di quei quindici chili.
#8. Raramente ti è capitato di sentire pronunciare il tuo nome da tua mamma a una potenza inferiore ai 280 decibel.
#9. Se fai un viaggio a Torino tua nonna ti chiede di salutargli il nipote della vicina che vive a Mestre.
#10. Quando c’è un battesimo o una cresima in vista, i due mesi precedenti devi prepararti atleticamente e psicologicamente se vuoi sopravvivere.
#11. I tuoi parenti sono così numerosi che a volte sospetti si riproducano per mitosi.
#12. Un matrimonio tra pochi intimi significa un minimo di 170 invitati.
#13. C’è sempre un cane da scendere o una spesa da salire.
#14. Il rito della partita a tressette è più solenne dell’incoronazione di Carlo Magno.
#15. Anche se pesi 120 Kg per i nonni sei sempre sciupato.
#16. Non esistono cugini ma solo altri fratelli.
#17. Ogni membro della tua famiglia ti chiede quando ti sposerai almeno sei volte al giorno.
#18. A capodanno tuo zio ha più fuochi d’artificio in macchina che la Casa Bianca il 4 luglio.
#19. Può esserci anche la crisi del’29 ma durante le festività c’è sempre abbastanza cibo per un paio di reggimenti.
#20. A volte vorresti scappare via da tutto il caos casalingo per poi renderti conto che non potresti fare a meno di quel calore per neanche dieci minuti.


Donna al volante

 Un carabiniere ferma un'auto che viaggia a 120 Km/h dove vige il limite di 50!
Si avvicina alla macchina e dice:
- Patente e libretto prego.
La bella donna al volante risponde:
- La patente non ce l'ho più. Me l'hanno ritirata 10 giorni fa quando mi hanno fermata per la quarta volta ubriaca!
- Posso vedere almeno il libretto di circolazione?
- La macchina non è mia. L'ho rubata!
- Rubata???
- Sì, però penso che i documenti siano nel cassetto del cruscotto. Mi sembra di averli visti quando ci ho nascosto la pistola...
- Lei ha una pistola nel portaoggetti?!?
- Certo, l'ho nascosta dopo aver sparato all'uomo che guidava. Poi ho messo il suo cadavere nel bagagliaio!
- Cosa??? Lei ha un uomo morto nel bagagliaio???
- Sì!
Il carabiniere estrae la pistola d'ordinanza e chiama i rinforzi alla radio.
Arrivano subito altre due pattuglie. Da una scende un graduato che chiede alla donna:
- Posso vedere la sua patente?
- Certo, eccola!
E gliela porge: regolare e validissima.
- Di chi è quest'auto?
- Mia. Ecco il libretto.
Anche quello, tutto in ordine.
- Potrebbe aprire il cassetto? Voglio controllare se ha nascosto una pistola...
- Certo. Comunque le garantisco che non c'è nessuna pistola!
La donna apre il cassetto portaoggetti, che è vuoto.
- Le dispiace se perquisiamo il bagagliaio? Ci hanno avvisato per radio dicendo che ci sarebbe un cadavere!
- Ma certamente.
La donna apre il cofano: nulla. Perfettamente vuoto.
L'ufficiale:
- Ma... non capisco. Il carabiniere che l'ha fermata mi ha detto che lei non aveva la patente, che gliel'avevano ritirata per guida in stato di ebbrezza, che la macchina era stata rubata a un uomo che lei ha ucciso e di cui ha occultato il cadavere nel bagagliaio e che la pistola era nel portaoggetti!
La donna lo guarda e dice:
- Fantastico! E scommetto che le ha detto pure che andavo troppo forte...




Lettera di una moglie che lascia il marito e la sua risposta

Caro marito, ti scrivo questa lettera per dirti che ti lascio per qualcosa di meglio. Sono stata una brava moglie per te per sette anni e non devo dimostrartelo. Queste due ultime settimane sono state un inferno. Il tuo capo mi ha chiamato per dirmi che oggi ti sei licenziato e questa e’ stata solo la tua ultima cavolata.
La settimana scorsa sei tornato a casa e non hai notato che ero stata a farmi i capelli e le unghie, che avevo cucinato il tuo piatto preferito ed indossavo una nuova marca di lingerie. Sei tornato a casa e hai mangiato in due minuti, e poi sei andato subito a dormire dopo aver guardato la partita. Non mi dici più che mi ami, non mi tocchi più. Che tu mi stia prendendo in giro o non mi ami più, qualsiasi cosa sia, io ti lascio.
Buona fortuna!

Firmato: la tua ex moglie

P.s.: se stai cercando di trovarmi, non farlo: tuo fratello e io stiamo andando a vivere a Rimini insieme.



Il marito risponde:
Cara ex moglie, niente ha riempito la mia giornata come il ricevere la tua lettera. E’ vero che io e te siamo stati sposati per sette anni, sebbene l’ideale di brava moglie, a patto che esista, sia molto lontano da quello che tu sei stata. Guardo lo sport così, tanto per cercare di affogarci i tuoi continui rimproveri.
Va così male che non può funzionare.
Ho notato quando ti sei tagliata tutti i capelli la scorsa settimana, e la prima cosa che ho pensato e’ stata: “sembri un uomo!”. Mia madre mi ha insegnato a non dire nulla se non si può dire niente di carino. Hai cucinato il mio piatto preferito, ma forse ti sei confusa con mio fratello, perchè ho smesso di mangiare maiale sedici anni fa.
Sono andato a dormire quando tu indossavi quella nuova lingerie perché l’etichetta del prezzo era ancora attaccata: ho pregato fosse solo una coincidenza il fatto di aver prestato a mio fratello 50 euro l’altro giorno e che la tua lingerie costasse 49,99 euro.
Nonostante tutto questo, ti amavo ancora e sentivo che potevamo uscirne.
Così quando ho scoperto che avevo vinto alla lotteria 10 milioni di euro, mi sono licenziato e ho comprato due biglietti per la Giamaica. Ma quando sono tornato tu te ne eri andata.
Penso che ogni cosa succeda per una precisa ragione. Spero tu abbia la vita piena che hai sempre voluto.
Il mio avvocato ha detto, vista la lettera che hai scritto, che non avrai un centesimo da me.


Abbi cura di te!

Firmato: ricco come il demonio e libero


P.s.: non so se te l’ho mai detto ma mio fratello, prima di chiamarsi Carlo. Si chiamava Carla: spero che questo non sia un problema.





Buon viaggio e il terremoto

Una coppia decide di passare le ferie in una spiaggia dei Caraibi, nello stesso hotel dove passarono la luna di miele 20 anni prima. Però per problemi di lavoro, la moglie non può accompagnare subito il marito: l'avrebbe raggiunto alcuni giorni dopo. 
Quando l'uomo arriva, entra nella camera dell'hotel e vede che c'è un computer con l'accesso ad

Gesù ti guarda e la lepre

Un ladro penetra di notte in una casa. Alla luce della lampadina tascabile inizia a frugare nei cassetti. Ha appena trovato lo scrigno dei gioielli quando una voce dal nulla esclama:
- "Gesù ti guarda!"
Il ladro sobbalza, spegne la pila e resta in ascolto. Nessun rumore. Allora si convince di aver avuto un'allucinazione, scuote il capo e ricomincia a frugare. Si avvicina allo stereo e di nuovo la voce di

Contratto di Lavoro Integrativo 2016-2017

1 - GIORNI DI MALATTIA
Non sarà più accettato il certificato medico come giustificazione di malattia. Se si riesce ad andare dal dottore si può benissimo andare anche al lavoro. 
2 - GIORNI LIBERI E DI FERIE
Ogni operaio riceverà 104 giorni liberi all'anno. Si chiamano

La mia segretaria


Allora signor Giudice, due settimane fa ho compiuto 50 anni. La mattina del mio compleanno mi sono alzato ed ero un po' giù di morale. Sono andato a fare colazione sperando che mia moglie mi dicesse "Buon Compleanno!" e mi facesse una sorpresa dandomi un regalo. Invece mi ha detto solamente: "Buongiorno". I miei figli si sono seduti a tavola e l'unica cosa mi hanno detto è stata: "Abbiamo bisogno di un aumento della paghetta mensile!". Così sono andato a lavorare ancora più depresso, però, appena entrato in ufficio, la mia segretaria mi è venuta incontro esclamando:

Insegnamenti della mamma

Ma le nostri madri frequentano dei corsi appositi per poterci crescere e farci diventare gli adulti di domani?
Ecco un'analisi di come il loro aiuto ci permette di affrontare la vita e capire il mondo che ci circonda.

La mamma è quella che ti insegna a rispettare il lavoro degli altri
"Se dovete ammazzarvi, fatelo fuori di qui, che ho appena pulito!"

La mamma è quella che ti insegna a pregare

"Prega Dio che non ti sia caduto sul tappeto!"

La mamma è quella che ti insegna la logica

Differenze tra te e il capo

Quando ci metti molto tempo, sei lento.
Quando il tuo capo ci mette molto tempo, è accurato.

Quando non lo fai, sei pigro.
Quando il tuo capo non lo fa, è troppo occupato.

Quando fai un errore, sei un idiota.
Quando il tuo capo fa un errore, anche lui è umano.

Quando fai qualcosa senza che ti venga detto, è presunzione.

Solo un graffio...

Mio caro marito,
prima che ritorni dal tuo lungo viaggio di lavoro, ti voglio informare di un piccolo incidente che ho avuto col il mio pick-up… niente di grave, solo un fanalino rotto, io non mi sono fatta niente, quindi non preoccuparti per la mia salute.
Praticamente, stavo tornando a casa dal supermercato e davanti al garage, invece di premere il pedale del freno, ho spinto sull’acceleratore…
La porta del garage si è leggermente abbozzata ma fortunatamente il pick-up si è fermato

Trova 95 mila dollari nel suo armadio. La moglie li ha nascosti per anni...



Erano sposati da oltre 50 anni, avevano condiviso praticamente tutto. O almeno quasi tutto! L’unica cosa che la moglie chiese al marito di non fare era quella di non guardare in una vecchia scatola di scarpe messa nell'ultimo ripiano dell’armadio. L’uomo rispettò la richiesta della donna e non si preoccupò mai di cosa ci fosse all'interno della scatola.
Un giorno, passati tanti anni, la moglie ormai vecchia e molto malata